È il Migration law il tema della prima conferenza targata ELSA Teramo. Una materia delicata quanto intensa, che richiede molta attenzione ma soprattutto importanti relatori per poter essere analizzata. Intensa come il titolo dell’incontro, delicata come il viaggio di chi rischia la vita per raggiungere le nostre coste.

Un evento, quello del 1 marzo, frutto del costante lavoro del Consiglio Direttivo di ELSA Teramo, che andrà a costituire un importante tassello della cultura giuridica degli studenti abruzzesi. Ed è proprio la principale organizzatrice dell’incontro, il Vicepresidente Seminari & Conferenze Miriam Corvino, la persona alla quale ci rivolgiamo per ottenere maggiori dettagli.

Perché il tema “Migration Law”?

“Abbiamo scelto il tema della Migrazione come argomento della nostra prima conferenza perché è di innegabile attualità. Riteniamo importantissima una consona informazione dei giovani a riguardo, siamo destinati a vivere in un mondo che sarà sempre più caratterizzato da flussi migratori”.

Qual è stato il criterio di scelta dei relatori?

“Nell’affrontare questa tematica, pensiamo sia necessario concentrarsi, per noi giovani studenti di diritto, sull’ aspetto giuridico, sulle norme che regolano l’Immigrazione e sulle fonti internazionali. Queste ultime, in particolare, saranno oggetto della relazione della professoressa Alessandra Gianelli, docente di Diritto internazionale presso l’Università degli Studi di Teramo, la quale ci ha sostenuti nel nostro progetto fin dall’inizio e alla quale va tutta la nostra stima e ammirazione.

I diritti dell’uomo saranno al centro della nostra riflessione, in quanto la loro tutela è per noi sinonimo di modernità e di cultura giuridica avanzata. Ed è per questo motivo che, tra i nostri relatori, abbiamo l’onore di avere il Professor Antonio Marchesi, presidente di Amnesty Italia, il quale affronterà in modo esauriente tale aspetto del problema”.

Ci si può aspettare una classica conferenza giuridica, quindi…

“Tutt’altro. Per aprire il dibattito in modo innovativo, l’evento inizierà con la rappresentazione di un monologo teatrale dal titolo “L’Africa e l’emigrazione come non ve l’hanno mai raccontata”. L’attore e regista Walter Nanni ci presenterà il suo progetto, frutto di un viaggio in Africa, dove ha vissuto l’esperienza dell’immigrazione da vicino”.

Un modo originale per approcciare al meglio una importante tematica di attualità. Un modo originale per onorare al meglio la mission ELSiana:

 “A just world in which there is respect for human dignity and cultural diversity”.